Alessandro Lutri

“QUESTO, E’ IL NOSTRO PETROLIO !” LA NATURA MULTISPECIE DELL’AZIONE POLITICO -ECOLOGICA PER IL FUTURO DEL TERRITORIO GELESE

ABSTRACT. Nell’ambito del recente dibattito emerso nel territorio gelese (dichiarato nel 1990 dal Ministero dell’ambiente «area ad elevato rischio di crisi ambientale», e dall’ultimo studio epidemiologico nazionale SENTIERI “area ad elevato rischio sanitario”), intorno a sviluppo, sostenibilità e ambiente, promosso dalle nuove politiche industriali dell’Eni di Gela, e dal nuovo attivismo politico-ecologico della LIPU, sono stati proposti due diversi orientamenti verso il futuro. Quello green proposto dall’Eni, che con l’avvio della nuova produzione di bio-carburanti evidenzia soprattutto le sue tradizionali preoccupazioni per l’accumulazione del capitale, e meno per lo sviluppo economico del territorio. Quello ecologico rappresentato dal progetto “Cicogna 2000” sostenuto dai volontari della LIPU (le sezioni di Gela, Caltanissetta e Niscemi), orientato verso un futuro alternativo al primo, fondato oltre che nella riqualificazione di autoctoni caratterizzanti la bio-diversità del territorio, anche nella valorizzazione di emergenti ecosistemi che sostengono lo sviluppo biologico delle attività agricole locali.
Il contributo intende evidenziare la diversa natura dei due contrastanti orientamenti verso il futuro del territorio gelese.

ABSTRACT. The contemporary politic and pubblic debate about the future of post-industrial sicilian town of Gela, founded around its economic and social development, the environment and sustainability, has seen appear two different future horizons. The first, sustained by the new industrial political economy of Italian National Oil Company (ENI); the second, sustained by politic ecology of the local sections of National League for Birds Protection (LIPU). The first future horizons of National Oil Company is most fossilized, because it’s founded in “double link” logic addressed to capital accumulation, in which the new green industrial activities (biodiesel) producing together to traditional extrative acrivities of oil and gas. The second, sustained by the young local environmental activists of National League for Birds Protection, is most oriented towards an alternative ecology future, founded in a inclusive logic (envrironmental and social ) through the requalification and valorization of local ecosystems and traditional economic-social activities. The issue show the politics and planning perspectives which characterize the two oppositive future horizons about the town of Gela

 

Continua a leggere l’articolo